Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione e per fornire le funzionalità di condivisione sui social network. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa. Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie.Informativa Cookie policyOK


Attendere  Elaborazione in corso, attendere prego...

Adempimenti per l'INPS/Area Dipendenti/Disposizioni

Da Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi.

 

INT. P non relativi al Registro Imprese.
Gli utenti possono iscrivere all’INPS una persona che riveste una carica RI compilando, in sede di nomina, il riquadro AC del relativo Int.P (consigliabile).
Molto spesso, invece, presentano dapprima la pratica RI, ed in seguito la sola iscrizione della persona all'INPS; in questo caso devono predisporre mod. S2+Int.P con i riquadri 1 (dati anagrafici) - 2 (domicilio) SENZA LA DATA VARIAZIONE – AC (Inps – assicurazione previdenziale commercio).
Quando si evince dall'Int.P che la persona viene segnalata ai fini INPS (quadro AC) all'utente non deve essere fatto togliere il domicilio/residenza, diversamente la pratica all'INPS andrà in errore. L'Int.P non andrà in visura perché è destinato all'INPS, salvo che sulla persona non vengano inserite cariche o qualifiche (quadro 3 o 5 o 7).
Se il quadro 2 (domicilio/residenza) non è compilato, non si deve sospendere la pratica, in quanto non devono essere fatti controlli su pratiche destinate ad altri enti.
Se il domicilio è lo stesso e la data modifica è stata compilata, la pratica, che sarebbe solo INPS, sembra anche RI e non finisce tra quelle automaticamente evase ma è sufficiente evaderla senza cambiare il domicilio.
Se la persona è socia e non risulta avere in visura altre cariche registro imprese, per iscriverla all'INPS occorre compilare l’Int.P sezione A, riq. 1 e 2, riq. 7 con carica SLA -Socio lavorante e riq. AC.
La compilazione della qualifica SLA nel quadro 7 dell’Int.P, fa sì che la pratica, anche se destinata solo ad altri enti, non venga comunque evasa automaticamente dal sistema, ma debba essere elaborata manualmente. Dopo l’elaborazione inoltre, la qualifica di socio lavorante viene visualizzata comunque in visura sotto la persona (contrariamente a quanto succede con altri codici qualifica simili, es. RFI per l’Agenzia delle Entrate, che non compaiono in visura e vengono evasi automaticamente).
Occorre in questo caso ricordarsi di eliminare d’ufficio, in fase di evasione, l’int.P della persona se la stessa non ha cariche RI, o il codice qualifica SLA dal modello int. P se la stessa riveste della cariche.

Si precisa che, se risulta compilata la qualifica SLA nell’Int. P, non deve essere richiesto all’utente di correggere la compilazione, eliminando la qualifica SLA, perché in questo modo la pratica non verrebbe inviata correttamente all’INPS.